Annunci

V LEZIONE PON POTENZIA-MENTI “La canestra di frutta”

In questa quinta lezione gli alunni hanno conosciuto la figura di Caravaggio e analizzato la realistica natura morta “La Canestra di frutta” in tutte le sue sfaccettature: colori, sfumature, chiaroscuro, imperfezioni degli elementi…

Come Andrea Camilleri, lo scrittore che ha dato vita ai personaggi del “Vucciria” di Guttuso, hanno creativamente animato la frutta adagiata nel cesto di vimini. Trasportati nel regno di Fruttonia hanno convinto, attraverso rime “fruttate” baciate,un principino capriccioso a diventare degno re di tale regno, amante dell’arte e della frutta, elemento pittorico tanto amato dal Caravaggio.

Hanno concluso la lezione interpretando artisticamente la loro “natura viva”.

13 Novembre: magico potere della gentilezza

Per misurare il benessere di un paese, se oltre al PIL si considerasse il livello di felicità, il sorriso sarebbe sicuramente un buon parametro da prendere in considerazione…”.
L’importante è non confondere il sorridere e l’essere felici con la poca serietà: si può essere “seri” e preparati, ad esempio a scuola, anche sorridendo.Un insegnante che sorride in classe, contribuisce a creare un clima più sereno anche con gli alunni, sorridere sul luogo di lavoro, tra colleghi permette un approccio più costruttivo all’attività svolta, sorridere in un gioco e durante la pratica sportiva favorisce il saper accettare il risultato, qualunque esso sia, più positivamente, sorridere a casa consente ai bambini di crescere più sereni.
Abbiamo iniziato un “gentile percorso” con la Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza, il 22 settembre, che quest’anno, giunta alla terza edizione, ha coinvolto 22.400 bambini, da tutta Italia… tra cui , anche, i nostri giovani alunni!

Oggi concluderemo il percorso con la Giornata Mondiale della Gentilezza (il 13 novembre).

Ma ogni momento è opportuno…

IV lezione Pon PotenziaMenti ” La mia costellazione sulla scia di Van Gogh”

I bambini, in questa quarta lezione del Pon, sono stati trasportati nell’affascinante mondo dei gradi maestri impressionisti, quei pittori che dipingendo en plein air, hanno lasciato tracce indelebili con la loro arte e la magia delle loro tele. I critici dell’epoca sostenevano che i quadri impressionisti sembrano “non finiti” , degli abbozzi, in realtà sono il risultato di una lunga esperienza pittorica creativa.

E’ come se gli impressionisti lasciassero il compito di finire il quadro all’occhio dell’osservatore. Partendo dall’analisi di ” Notte stellata” di Van Gogh , attraverso la visione di un gradevole cartone animato sulla vita dell’artista e di un’appassionante trasposizione digitale del capolavoro ad opera dell’artista greco P. Vrellis, i bambini hanno svolto il compito richiesto: concludere “Notte stellata” disegnando poeticamente la loro costellazione.

Se è vero che un’immagine vale più di 1000 parole, guardando “La notte stellata” si avrà molto da narrare: un coinvolgente dialogo tra arte e poesia per raccontare in versi le emozioni suscitate.

notte stellata